Un ambiente di immagini positive

Ultimo aggiornamento Scritto da Nello Acampora


Nel post precedente vi avevo parlato dello stato d’animo con cui si ricomincia una nuova stagione lavorativa. Per questo è sempre molto importante imparare a focalizzarci sulle credenze potenzianti, invece che su quelle limitanti.

Ci sono almeno 3 fonti a cui attingere per sviluppare credenze “fortificanti”.

Leggi qui...

Anno nuovo, credenze nuove

Ultimo aggiornamento Scritto da Nello Acampora

I giornali di questo scorcio di fine estate sono pieni di articoli su come ricominciare in maniera sana la vita cittadina di tutti i giorni. Si rientra dalle vacanze pieni di buone intenzioni – e in certi casi anche rinfrancati nel fisico e nello spirito – e subito si viene “inghiottiti” dalla cosiddetta ruota del criceto.

Leggi qui...

Te la senti di abbattere il muro dei 4 minuti?

Ultimo aggiornamento Scritto da Nello Acampora

Diversi anni fa ho letto una frase che ancora oggi mi sembra di grande attualità: “Che tu creda di farcela o di non farcela, comunque hai ragione!” Così Henry Ford motivava i suoi uomini a darsi da fare e a credere nei loro sogni.

Le convinzioni che hai su te stesso e su ciò che sei capace di fare determinano, infatti, la qualità del tuo benessere e dei tuoi risultati. Questo vale anche a livello fisico, se pensiamo agli atleti. L’effetto “placebo” e l’effetto “nocebo” (se credo che qualcosa mi possa far male, mi farà male sul serio) insegnano come, solamente con i pensieri, puoi agire sul tuo organismo cambiandone addirittura la chimica. Vale la pena, allora, di imparare a sfruttarne le potenzialità.

Avete mai sentito o letto la vicenda di Roger Bannister? Se avete visto il film Four minutes, vi ricorderete del primo atleta che corse la distanza di 1 miglio sotto i 4 minuti. Era il maggio del 1954 e fino ad allora nessuno lo riteneva possibile. Si pensava addirittura che se una persona avesse corso così velocemente, il suo cuore sarebbe esploso!

Molti ne erano persuasi, ma non Roger Bannister che invece era profondamente convinto di farcela. La sua certezza diede un tale impulso al suo sistema nervoso da consentirgli di raggiungere quel traguardo “impossibile”.

Quando sei totalmente convinto di qualcosa, permetti al tuo organismo di attingere alla maggior parte delle tue risorse, senza risparmiarti. Azioni di qualità che portano a risultati di qualità.

La storia davvero interessante è che dopo soli quarantasei giorni dal record di Bannister, anche lo storico rivale John Landy ruppe il muro dei 4 minuti. E dopo qualche mese, un’altra decina di atleti lo fece. A quel punto tutti sapevano che era possibile: il muro era crollato!

Che ne deduciamo? Che è necessario avere convinzioni potenzianti quando volete raggiungere un obiettivo. Fornite riferimenti positivi alla vostra mente per alzare la percentuale di successo in ciò che fate. Una convinzione è solo il senso di certezza che avete nei confronti di qualcosa.

Perché non provare subito, con un obiettivo da raggiungere da qui a fine 2011?

Fatemi sapere com’è andata, lasciando un vostro commento a questo post o alla mia pagina Facebook.

Nello Acampora

Leggi qui...

Video interessanti

Diventa anche tu Fan di Hi Performance

Designed by SB creativity
WordPress è un software libero rilasciato sotto GNU/GPL Licenza.