Chi vince? Le imprese che collaborano

Scritto da Nello Acampora

Il tema delle sinergie tra piccole e medie imprese, ovvero della collaborazione per restare competitivi sul mercato, è un argomento che ci sta a cuore e che abbiamo già trattato su questo blog. Essere una “piccola azienda” oggi non è più una caratteristica così penalizzante, specie se il nostro valore aggiunto può entrare a far parte di un’offerta più ampia.

Tutti i formatori partner di Hi-Performance, al momento di raccontare ai nostri allievi in aula le esperienze di imprese internazionali, battono molto il tasto dell’importanza di lavorare assieme per far crescere i fatturati. Proprio in questi giorni ho letto su un quotidiano economico la notizia di 7 minuscole aziende italiane, lontane una dall’altra anche mille chilometri, che hanno deciso di unire le forze in una “rete amicale”. Si tratta di eccellenze di nicchia nel campo dell’artigianato alimentare: dal tartufo bianco toscano ai capperi di Pantelleria, dall’olio extravergine abruzzese all’aceto balsamico di Reggio Emilia. Fino al biscottificio pratese fondato nel 1858 e al pastificio dell’entroterra marchigiano.

Una collaborazione fattiva che sta dando risultati concreti. Insieme progettano spazi espositivi e presenze a fiere italiane e straniere, condividono esperienze commerciali e ogni due mesi si riuniscono per scambiarsi idee e strategie, con l’idea di registrare un brand comune.

Da ciò che raccontano, spesso i buyer già clienti di un’azienda vengono via via attratti anche dai prodotti degli altri. Così facendo, il parco clienti complessivo si arricchisce con l’ingresso di leader di alcuni segmenti distributivi. È una vera tendenza due-punto-zero, grazie alla quale le aziende finalmente comprendono come nel terzo millennio non si è leader di mercato sottraendo clienti alla concorrenza, ma costruendo storie di eccellenza e di successo, ognuno nella propria nicchia, con il consumatore finalmente al centro. Ascoltato nei bisogni e personalizzato nei benefici.

Nello Acampora 

Lascia un tuo commento