Il ragazzo che ha inventato l’email

Scritto da Nello Acampora

La maggior parte dei ragazzi di 14 anni sono interessati solo allo sport, alle feste scolastiche e a come affrontare le superiori. Già a 14 anni Shiva Ayyadurai – nato in India nel 1963 – non era un ragazzo ordinario. Mentre i suoi coetanei erano occupati con le classiche attività dell’adolescenza, Shiva stava semplicemente inventando… l’email (di cui avrebbe poi registrato il copyright nel 1982).

Ho rinfrescato di recente la storia di Shiva guardando il video di un’intervista che gli ha fatto Deepak Chopra, medico ayurveda noto in tutto il mondo come guru delle star (tra cui Lady Gaga, Madonna, Tom Hanks). Shiva non era il classico “nerd” abituato a programmare tutto il giorno. Eccelleva nel baseball e nel calcio, aveva la predisposizione per il business.

Senza entrare negli aspetti tecnici, dal racconto di Shiva si intuisce che il suo successo è stato condizionato da una serie di fattori. Come il fatto di avere due genitori che lo incoraggiavano, dei professori che ne hanno valorizzato il talento, dei mentori che gli hanno permesso di eccellere ben oltre la sua età, consentendogli di crescere in un ambiente di libertà e rispetto. Il risultato è che Shiva ha creato un programma per computer che ha completamente automatizzato il sistema di posta interno, e a cui lui ha dato il nome di “email”.

Fa quasi sorridere pensare che all’inizio la sua creazione sia stata al centro di polemiche. Una folta schiera di accademici, grandi aziende e media hanno discusso animatamente la sua innovazione. Di fatto, Shiva ha dovuto subire quelli che oggi definisce “capricci infantili” di esperti del settore.

Purtroppo la storia di Shiva Ayyadurai evidenzia il fatto che spesso la società presuppone che la conoscenza sia di proprietà di qualcuno, meglio se monopolizzata da pochi potenti. Noi crediamo invece che la conoscenza debba essere promossa a ogni età, in ogni angolo del globo. E che l’intelligenza non sia solo di proprietà di persone ricche, potenti o ben collegate.

Di questi temi – ovvero di scoperte alternative che hanno migliorato la qualità della nostra vita – parlerà lo stesso Deepak Chopra il 21 maggio prossimo a Milano. È un’occasione unica per incontrarlo di persona, dopo il grande successo che hanno avuto i suoi cicli di meditazione online. Una delle domande a cui Chopra risponderà sarà questa:

“In che modo la nostra comprensione della coscienza può migliorare la capacità di sperimentare il benessere totale (a livello fisico, emozionale, spirituale, sociale, comunitario, finanziario ed ecologico)?”

 

Qui puoi vedere il video dell’intervista a Shiva (inventore dell’email)

Qui puoi trovare le informazioni per l’evento italiano di Deepak Chopra (21 maggio 2014 a Milano)



Lascia un tuo commento