Ritrovate le vostre passioni

Scritto da Nello Acampora

Voglio parlarvi oggi di passioni perdute. Tralascio volutamente gli argomenti politici, visti gli spettacoli deprimenti di questi giorni. Penso invece al campo lavorativo, dove purtroppo incontro sempre più spesso giovani (e meno giovani) spendere forze ed emozioni in attività inutili e poco motivanti.

Cercate di scoprire cosa volete veramente. Perché questo sarà di grande aiuto per voi, sia se siete alla ricerca di un nuovo lavoro, e sia se intendete dare una scossa alla vostra quotidianità ormai entrata in crisi.

Non sono d’accordo con chi è troppo schizzinoso verso professioni e attività considerate “non all’altezza delle aspettative familiari e post-universitarie”. Penso infatti – l’ho scritto diverse volte – che occorra iniziare a masticare esperienze lavorative anche lontane da quello per cui ci siamo preparati, per poi “da dentro al mondo del lavoro” intuire meglio quali siano le caratteristiche più in linea con i nostri obiettivi e valori. Da dentro, insomma, si capisce meglio che cosa ci piace veramente e per quale attività siamo più tagliati.

Chiedetevi «Che cosa voglio? Che cos’è nelle mie possibilità, adesso?». Tenete un taccuino su cui annotare i vostri pensieri rispetto a cosa vi colpisce, le persone di cui ammirate lo stile professionale e di vita, idee per contatti a cui rivolgervi, progetti da sperimentare e mettere a frutto.

È un primo passo per schiarirsi la mente e cercare le ispirazioni. Avete presente il tenente Colombo? Interrogate voi stessi come se lo facesse il celebre detective. Non tralasciate nulla e commentate questo post con le vostre prime esperienze. Nelle prossime settimane parleremo di altri spunti verso la ricerca delle proprie passioni.

Nello Acampora


Lascia un tuo commento